La radiografia non è l’esclusivo mezzo di prova per il “colpo di frusta”

La radiografia non è l’esclusivo mezzo di prova per il “colpo di frusta”

News

La radiografia non è l’esclusivo mezzo di prova per il “colpo di frusta” Il tema delle lesioni del rachide cervicale (c.d. “colpo di frusta”), come noto, è un argomento ricorrente in ambito sinistri RCA, tanto che nella stessa sentenza che di seguito analizzeremo si legge come “le richieste di risarcimento per lesioni di lieve entità sono, ai fini statistici che assumono grande rilevanza per la gestione del sistema assicurativo, le più numerose; per cui, nonostante il loro modesto contenuto economico, esse comportano comunque ingenti costi collettivi.” Ciò premesso, oggi segnaliamo la pronuncia emessa dalla Cassazione Civile, sez. III, sentenza 19/01/2018 n. 1272, con cui la Suprema Corte ribadisce un principio di diritto rilevante, afferente il risarcimento del danno alla salute nelle...

Read More

Le clausole claims made “pure” non sono vessatorie

Le clausole claims made “pure” non sono vessatorie

News

Le clausole claims made "pure" non sono vessatorie In un precedente post abbiamo affrontato il tema della “Illegittimità  della clausola claim’s made nei contratti di assicurazione stipulati in ambito sanitario” - https://www.studiolegalenova.it/illegittimita-della-clausola-claims-made-nei-contratti-assicurazione-stipulati-ambito-sanitario/ - analizzando la sentenza del 28 aprile 2017 n. 10506 con cui la Cassazione dichiarava, sostanzialmente, che deve stabilirsi, caso per caso, se la clausola claim’s made possa dirsi anche diretta a realizzare interessi meritevoli di tutela ai sensi dell’art. 1322 c.c. (Autonomia Contrattuale). Ebbene, recentemente, la Suprema Corte è tornata ad affrontare la vexata quaestio con la rilevante ordinanza 23/11/2017 n. 27867, avente ad oggetto, in partico...

Read More

Il CID prodotto per la prima volta in giudizio ha valore unicamente “indiziario”

Il CID prodotto per la prima volta in giudizio ha valore unicamente “indiziario”

News

Il CID prodotto per la prima volta in giudizio ha valore unicamente “indiziario” La Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 26 settembre 2017, n. 22415, ha confermato l’orientamento secondo cui: “…la denuncia di sinistro stradale (cui sia applicabile ratione temporis la L. 26 febbraio 1977, n. 39, art. 5) deve esser trasmessa, pur senza la prefissione di un termine, all'assicuratore prima di citarlo in giudizio, non solo per informarlo (artt. 1334 e 1913 cod. civ.) delle circostanze, modalità e conseguenze del sinistro, onde consentirgli la liquidazione stragiudiziale del danno derivatone, ma anche, nel caso di denuncia congiunta, ai fini della presunzione, fino a prova contraria a carico di esso assicuratore, della veridicità delle dichiarazioni ivi contenute; se invece i...

Read More

Fermo tecnico: il danno deve essere allegato e dimostrato

Fermo tecnico: il danno deve essere allegato e dimostrato

News

La Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 11 aprile – 31 maggio 2017, n. 13718, è intervenuta, ancora una volta, su una vexata quaestio in tema di RCA: ai fini del risarcimento, il danno da fermo tecnico deve formare oggetto di specifica dimostrazione oppure può automaticamente ricollegarsi alla mera indisponibilità del veicolo? Ebbene, con la sentenza in parola, la Suprema Corte riafferma il principio secondo cui: “il danno derivante dall’indisponibilità di un autoveicolo durante il tempo necessario per la riparazione, deve essere allegato e dimostrato da colui che ne invoca il risarcimento, il quale deve provare la perdita subita dal suo patrimonio in conseguenza della spesa sostenuta per procacciarsi un mezzo sostitutivo (danno emergente) oppure il mancato guadagno derivante...

Read More

Sinistro falso: la Compagnia dell’assicurato/truffatore può proporre querela

Sinistro falso: la Compagnia dell’assicurato/truffatore può proporre querela

News

Con la sentenza n. 24075 del 15 maggio 2017, emessa dalla Cassazione, II sezione penale, viene confermato (cfr. sentenze Cass. Pen. nn. 28281 e 43095/2016) il principio per cui, nell’ambito della procedura di risarcimento diretto ex art. 149 del Codice delle assicurazioni private, il soggetto passivo del reato non è solo la Compagnia gestionaria del sinistro, ma anche quella debitrice. Ne consegue che la querela per truffa assicurativa - ex art. 642 codice penale – nei confronti del presunto truffatore/danneggiato può essere presentata anche dalla Compagnia che copre, per il rischio RCA, quest’ultimo. Il convincimento della Suprema Corte, in particolare, si basa sulla motivazione per cui: - l’art. 120 codice penale attribuisce il diritto di querela ad <<ogni persona offesa...

Read More

La colpa del pedone non esclude la responsabilità dell’investitore

La colpa del pedone non esclude la responsabilità dell’investitore

News

La recente sentenza n. 8663 del 4 aprile 2017, emessa dalla Corte di Cassazione sezione III civile, riguarda il tema della responsabilità del veicolo investitore e dell’onere della prova nell'ipotesi in cui ricorra un concorso di colpa del pedone. Ebbene, col suddetto provvedimento, la Cassazione ha confermato il principio per cui: “L'accertamento di un comportamento colposo del pedone investito da veicolo non è sufficiente per l'affermazione della sua esclusiva responsabilità, essendo pur sempre necessario che l'investitore vinca la presunzione di colpa posta a suo carico dall'art. 2054, comma 1, c.c.”. Gli Ermellini, difatti, specificano che, per superare la predetta presunzione, non basta che vi sia la violazione da parte del pedone delle regole del codice della strada e nean...

Read More

Sinistro “semplice”: no al rimborso delle spese per la consulenza di infortunistica stradale

Sinistro “semplice”: no al rimborso delle spese per la consulenza di infortunistica stradale

News

La Corte di Cassazione, sezione III civile, con la sentenza del 13 aprile 2017, n. 9548, in una causa avente ad oggetto il risarcimento a seguito di incidente stradale, ha stabilito che il danneggiato non ha diritto alla ripetizione delle spese sostenute per la consulenza prestata da una società di infortunistica, se si è in presenza di un sinistro “semplice”, cioè con pieno riconoscimento – come nella fattispecie concreta all’esame della Suprema corte – di responsabilità da parte del conducente dell’altro veicolo. La vicenda riguardava una cessione di credito per i danni materiali subiti in conseguenza di un sinistro stradale; in particolare, la causa instauratasi vedeva protagonista la carrozzeria cessionaria - oltre il danneggiante e la compagnia assicuratrice di quest’ultimo - la ...

Read More

La mancata restituzione della caparra non è reato

La mancata restituzione della caparra non è reato

News

La Corte di Cassazione, Sezione II Penale, con la sentenza del 29 marzo 2017, n. 15815, ha stabilito che: “Non integra il delitto di appropriazione indebita, ma un mero inadempimento di natura civilistica, la condotta del promittente venditore che, a seguito della risoluzione del contratto, non restituisca al promissario acquirente l’acconto sul prezzo del bene promesso in vendita”. Nell’ambito di un contratto preliminare, spesso vi è la corresponsione da parte del promissario acquirente di una parziale somma di denaro nei confronti del venditore. Ebbene, se le parti risolvono il contratto preliminare e l’accipiens  - colui che riceve la somma - non restituisce il denaro ricevuto, ciò non configura gli estremi del reato di appropriazione indebita di cui all’art. 646 del codice penale....

Read More